Aloe Arborescens La pianta della salute

L’ ”aloe arborescens” appartiene alla famiglia delle Liliacee e assomiglia a un cactus. E’ conosciuta dall’antichità per le proprietà medicinali, ma solo di recente è stato possibile utilizzarla, dato che per la conservazione dei principi attivi deve essere mantenuta in ambiente refrigerato. Dalle foglie dell’Aloe, si estrae un gel, che ha azione antibiotica, antinfiammatoria, astringente, coagulante, inibitrice del dolore, stimolante della crescita cellulare, energetica, nutriente, digestiva, disintossicante, cicatrizzante e idratante. Le sostanze contenute, che costituiscono un cocktail salutare, rinforzano reciprocamente la loro azione, e agiscono congiuntamente per aiutare a ristabilire l’equilibrio dell’organismo facilitando la rigenerazione dei tessuti cellulari alterati.

Sono stati riscontrati effetti positivi dell’uso del gel di Aloe in molti stati patologici come: cancro, stitichezza, diabete, herpes, psoriasi, verruche, ipercolesterolemia, orzaiolo, micosi, prostatite, colite, tendinite, cataratta, calvizie, sinusite, forfora, reumatismi, congiuntivite, gastrite, emorroidi, artrite, epilessia, dermatiti, ulcera, ecc.

La pianta dell'aloe un concentrato di benesserePreparazione del frullato di aloe secondo la ricetta di padre Zago

Le  foglie di aloe che potete prenotare in Copac provengono direttamente da un piccolo produttore toscano.
Appena tagliate le foglie sono confezionate per un peso di circa 400 grammi in pellicola di alluminio.
Poiché le foglie tagliate riducono le loro proprietà con la luce, si consiglia pertanto di eseguire le operazioni sotto descritte in penombra (va bene la luce della cappa tenuta alle spalle).
– Eliminare la parte biancastra finale spesso sporca di terra,
– Con uno straccetto inumidito, pulire le foglie.
– Lavorando per il lungo tagliare via gli spuntoni.
– Affettare in pezzi da 2-3 centimetri.
– Mettere nel frullatore (lama ben affilata) per 10 minuti
– Aggiungere circa 400 grammi di miele.
– Aggiungere 2-3 cucchiai di liquore tipo vodka o grappa
– Frullare per altri 10 minuti.
– Travasare in un contenitore tappabile rivestito di pellicola di alluminio
– Conservare in frigorifero
Note:
– E’ possibile a seconda dei gusti ridurre o aumentare la quantità di miele
– Per intestini particolarmente sensibili alle fibre, filtrare il prodotto con un panno da cucina posto sopra un imbuto, richiuso come una sacca è strizzato facendolo ruotare.

Comments are closed.